CHI NON MUORE... BEVE CHERRY!!!


E' praticamente trascorsa tutta l'estate ed io non ho più pubblicato nulla...
troppe aspettative mal riposte, troppa ansia da prestazione ( se mi guardo attorno, nel mondo dei food-bloggers, ci sono veramente delle persone dalle mani d'oro !!! ) poco o scarso tempo da dedicare al blog , poca stima delle mie capacità e , cosa da non sottovalutare ,la presa di coscienza che non sarò mai all'altezza di nessuno in fatto di fantasia e creatività in cucina: sò cucinare, come il novanta per cento delle donne italiane, nè più, nè meno, seguo con diligenza le ricette, ottengo dei buoni risultati, ma non avrò mai il "guizzo" che mi permetterà di distinguermi dalla massa...
Devo ammettere che ho seriamente pensato di lasciar perdere con questa avventura fotografica e culinaria, ma la mia proverbiale caparbietà non mi permette ancora di tirare i remi in barca. 
E infatti...
 voglio ricominciare da qui.
 Voglio far diventare  questo angolino di spazio web, dove  non passa quasi nessuno, il posticino dove rifugiarmi quando ho voglia di evadere dalla vita quotidiana, dove posso pubblicare le foto dei miei piatti  senza temere di venir criticata da nessuno sulla composizione dell'immagine e dove posso sperimentare e pasticciare senza , per questo, venir giudicata del mio operato...
Senza ansie, senza aspettative, solo per il piacere di dimostrare a me stessa che, almeno in cucina , qualcosa di buono posso farlo anche io...

Questa di oggi non è una ricetta nel vero senso della parola:
ho voluto provare a fare lo Cherry, dopo aver letto, da qualche parte, che si può ottenere un buon liquore anche dalle foglie di ciliegio o amarene , senza dover utilizzare necessariamente i frutti...
E quindi , l'ultima volta che ho trascorso qualche giorno al paesello, con l'aiuto del marito, ho raccolto le foglie e le ho portate a casa.
Questo è il risultato...
Adesso bisognerà aspettare almeno tre mesi prima di poterlo gustare... ma non garantisco di riuscirci: ho idea che lo assaggerò molto prima!!!!

INGREDIENTI

70 FOGLIE DI CILIEGIO O AMARENE ( POSSIBILMENTE BIOLOGICHE )
1/2 LITRO DI VINO ROSSO CORPOSO 
200 GR DI ZUCCHERO
1/2 LITRO DI ALCOOL 90°

Pulire le foglie di ciliegio o amarene con una pezzuola umida , metterle in un recipiente di vetro munito di coperchio e coprirle con il vino rosso
.Chiudere e lasciare in luogo buio e fresco per 40 giorni.
Trascorsi i quaranta giorni filtrare il vino, strizzare un poco le foglie e buttarle via.
Scaldare il vino in una pentola capace, aggiungere lo zucchero e lasciar sobbollire dolcemente per 10 minuti circa.
Far raffreddare il vino ed aggiungere l'alcool.
Chiudere in bottiglia e far riposare almeno due o tre mesi prima di consumare.







Commenti